Notre-Dame de Paris – Victor Hugo (review tour)

Notre-Dame de Paris

 

 

 

Sono passati oggi trecentoquarantotto anni, sei mesi e diciannove giorni da quando i parigini si svegliarono al frastuono di tutte le campane che sonavano a distesa nella triplice cinta della Cité, dell’Université e della Ville.

Eppure il 6 Gennaio 1482 non è un giorno di cui la storia abbia conservato il ricordo.

 

E’ il 1831 quando a soli 29 anni Victor Hugo raggiunse il successo con un capolavoro che rimarrà nella storia: Notre-Dame de Paris.

Anche oggi se pensiamo alla letteratura francese non c’è forse titolo più celebre e amato, complice anche l’amatissimo musical tratto da esso. Sarà per l’intricato intreccio, i personaggi memorabili o l’incredibile ambientazione della cattedrale parigina o tutti questi elementi combinati insieme se continuiamo a leggere e ad innamorarci di questa epopea indimenticabile.

Nel 2020 Mondadori ha deciso di arricchire ulteriormente questa storia, che già si difende benissimo da sola, confezionandogli una nuova veste che non può fare a meno di lasciare a bocca aperta. Per la collana Oscar Draghi esce infatti una bellissima edizione, che  contiene la storia della cattedrale narrata dall’illustre penna di Ken Follett (che di cattedrali sa decisamente qualcosa) e tantissime illustrazioni d’epoca che renderanno la lettura ancora più immersiva e speciale.

Dopo l’incendio dello scorso 15 Aprile che ha lasciato tutto il mondo senza fiato, non si poteva davvero trovare modo migliore per celebrare uno degli edifici più iconici dell’Occidente.

Non servo certamente io per sottolineare l’importanza e la bellezza di questo gigante della letteratura, no? E’ sempre difficile mettere insieme un parere completo quando si tratta di classici, soprattutto se così radicati nella nostra cultura e così amati, ho quindi deciso di non portarvi un vero e proprio commento al libro, non sono nessuno per farlo, né ho gli strumenti adatti per compiere un’analisi esaustiva. Mi limiterò quindi a sottolinearvi semplicemente la bellezza di questa storia e a ripetervi quanto può arricchirvi in quanto lettori e essere umani.

La triste storia del deforme campanaro di Notre-Dame, Quasimodo, è tra le vicende più celebri che ci siano. Tra chi ha visto numerose volte il musical a teatro e chi ha consumato il vhs del cartone Disney, non c’è quasi nessuno che ne sia totalmente digiuno. Se ancora non lo avete fatto però, vi consiglio di recuperare anche l’opera prima, il romanzo da cui è partito tutto, uno di quei classici di cui a grandi linee conosciamo tutti la trama, ma che ancora troppo pochi hanno davvero letto. Le emozioni descritte e contenute all’interno di questo testo sono fortissime, si tratta di una storia appassionante che vi invoglia continuamente ad andare avanti. Non riuscirete a staccarvene come succede coi migliori romanzi e non riuscirete a dimenticarvelo come succede coi migliori classici della letteratura.

La tormentata storia di Quasimodo, l’intrigante Esmeralda, l’atmosfera unica della Corte dei Miracoli, l’eroico Febo e il peccatore Frollo, personaggi e luoghi indimenticabili che dovete assolutamente inserire all’interno della vostra vita da lettori.

Un’esperienza unica che non vi scrollerete di dosso a lungo, ve lo assicuro.

 

Fede

Precedente The End of The Year Booktag Successivo Marea Tossica di Chen Qiufan (Review tour)