Classic Book Tag!

Classic Book Tag

 

Mi sembrava, finalmente, arrivato il momento di fare un bel book tag. E’ dall’inizio dell’anno che non ne faccio uno e a questo ci tengo particolarmente, perché mi darà la scusa per parlarvi dei miei classici del cuore. E’ un argomento che, per ora, ha trovato poco spazio all’interno del blog, se non sotto forma di recensioni. Non sono però ancora mai riuscita a raccontari qualcosa su quelli che già ho letto, quelli che ho amato, odiato e quelli che ancora aspettano di essere aperti. Ho trovato il tag in questione sul blog La spacciatrice di libri. Iniziamo subito con le domande!

  1. Un classico di cui tutti hanno parlato, ma che a te non è piaciuto                                        Probabilmente perderò tutta la mia credibilità in quanto lettrice dopo questa risposta, ma per me è “Le notti bianche” di Dostoevskij. E’ stato il mio primo, e unico, approccio con l’autore. Sono partita super propositiva e curiosa, volevo fare la conoscenza di questo gigante della letteratura russa, ma purtroppo non siamo riusciti ad intenderci bene. Non mi ha catturata come speravo e non ha lasciato alcun segno su di me. So che si tratta di un Dostoevskij piuttosto giovane e che questa ha poco a che fare con tutte le sue altre opere, infatti sono super convinta di voler leggere altro. Al momento sono molto incuriosita da “Delitto e castigo”.
  2. La fiaba preferita                                                                                                                         Su questa risposta non ho assolutamente dubbi, la mia fiaba del cuore è da sempre “Peter Pan”. Lessi il libro per la prima volta quando ero alle elementari, ma è una storia che mi accompagna fin da quando ero ancora più piccola. Sono sempre stata affascinata dalla filosofia di vita di Peter e dalle atmosfere sognanti del libro. Sarà anche che c’è un po’ di lui in me, la paura di crescere la condividiamo, ma questa è un’altra storia.
  3. Un classico che ti vergogni di non avere ancora letto                                                               Non parlerei di vera e propria vergogna, penso che ognuno di noi sia più che libero di leggere ciò che preferisce senza timore di essere giudicato. Inoltre per ogni libro c’è un momento giusto, secondo me, quindi anche i classici famosi che non ho ancora affrontato prima o poi troveranno uno spazietto nella mia tbr. Tra le mie lacune più grandi c’è Virginia Woolf che per me è ancora un’incognita e me ne dispiaccio, al momento non sento la spinta di leggerla, ma si vedrà in futuro.
  4. 5 classici che vorresti leggere in un futuro vicino                                                                       Delitto e castigo, La campana di vetro, Lessico famigliare, Tenera è la notte, Il conte di Montecristo.
  5. Un libro o una serie di libri tratti da un classico                                                                        Penso di non aver praticamente mai letto retelling, l’unico titolo che mi viene in mente è “Il diario di Bridget Jones”, ovvero un retelling di “Orgoglio e pregiudizio”.
  6. Un bel film o una serie di film tratti da un classico                                                                       Nonostante venga molto criticato, io ho particolarmente amato lultimo adattamento di Anna Karenina, quello diretto da Joe Wright. L’ho trovato diverso ed interessante, la regia è veramente notevole, alcune scene del film non possono che rimanere impresse. Altri adattamenti che riguardo volentieri sono quelli di Shakespeare, in particolare quelli di Zeffirelli.
  7. Edizioni di classici che vorresti collezionare                                                                               Senza alcun dubbio rispondo i Bur deluxe, sono tutti una gioia per gli occhi, curati nei più minimi dettagli. Qui accanto vi ho messo la foto di quello che più desidero, ma li comprerei tutti, nessuno escluso.
  8. Un classico poco conosciuto che vorresti consigliare                                                                 “Appunti di un giovane medico” di Bulgakov. L’autore è celeberrimo per il suo capolavoro, “Il maestro e Margherita”, ma anche questo è un vero e proprio gioiellino. Si tratta di una raccolta di racconti che narrano del periodo, nei primi del Novecento, in cui l’autore è stato un medico dei campagna. Le storie sono potenti, colpiscono dritte al segno, ma sono anche farcite di un pungente umorismo di cui non ci si può non innamorare. Purtroppo è un titolo di cui non sento quasi mai parlare, ma che merita molta più notorietà.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                               Il tag termina qui, spero che le mie risposte vi abbiano interessati o che vi abbiano dato qualche spunto per le vostre prossime letture. Se avete voglia fatemi sapere cosa avreste risposto voi, sarei molto curiosa di leggere le vostre risposte!

Alla prossima

Lux

 

 

 

 

 

Precedente Figlie di una nuova era - Carmen Korn Successivo Animali fantastici: i crimini di Grindelwald